PITTI FRAGRANZE 2021…..rinascita di una fiera

2021 . 10 . 01 | scritto da Karen Marin

Aggiungi alla mia selezione

Contenuti originali di Essencional

Appassionati

Musei del Profumo

+4

I promotori e gli agitatori dell'industria delle fragranze sono stati felici di scendere a Firenze, in Italia, per il ritorno di Pitti Fragranze. L'evento, che si è tenuto alla Stazione Leopolda, si è svolto dal 17 al 19 settembre, e nonostante le presenze siano state visibilmente inferiori rispetto agli anni precedenti, non sono mancati entusiasmo e nuovi brand da scoprire. Mi sono felicemente imbattuta in diversi vecchi amici e alla fine ho incontrato di persona le persone che avevo intervistato negli ultimi mesi. Per certi versi, è stato come se la famiglia fosse tornata insieme dopo una lunga assenza. La pandemia ha costretto tutti noi a vivere e lavorare in modo diverso, ma non ha in alcun modo soffocato la passione, l'energia e la creatività del mondo delle fragranze artigianali.

Pitti Fragranze
Con Geraldine Archambault di Essential Parfums
Con Camille Le Feuvre di pH Fragrances

Mentre percorrevo la fiera e visitavo gli stand, sono emerse alcune tendenze. Gourmand e oud erano dominanti, insieme a composizioni verdi e fiori bianchi. Ci sono tantissimi marchi che abbracciano l'eco-sostenibilità, come Essential Parfums, pH Fragrances e Place des Lices. Meno è di più dove l'enfasi è sugli ingredienti, sulle pratiche etiche e sul profumo stesso. I marchi storici come Cherigan, Ciro e Farmacia SS Annunziata dal 1561 hanno avuto un vero rinascimento rinnovando la loro identità con confezioni contemporanee e profumi moderni, mentre tra tutti, un'atmosfera radicale, ribelle e avant-garde è stata incarnata da Hedonik, Bel Rebel e Step Aboard, che sicuramente attireranno il consumatore della Gen Z.

Place des Lices
Cherigan
Collezione Cherigan
Collezione Ciro
Farmacia SS Annuziata dal 1560
Il Team di Hedoniik
Bel Rebel

Diversi marchi esplorano il viaggio dell'uomo nel mondo come si vede da Neanderthal che compie un viaggio olfattivo nel passato dell'umanità che vive in noi oggi poiché strizza l'occhio al futuro, e Memoize dove i 7 peccati capitali e le 7 virtù celesti hanno ispirato il profumiere. Il maschio alfa è presente con Rubirosa di YVRA e Nuvolari di Rubini, entrambi ispirati a uomini che hanno vissuto la vita al massimo, e oltre a The Gate, le fragranze raccontano la storia di una relazione dal primo incontro a un incontro intimo. I miti e le leggende della Sicilia prendono vita olfattiva con Sikelia mentre filosofia, alchimia e Armenia sono forze trainanti per Voskanian. Scappare in un altro posto, anche se solo nella propria mente, è un concetto che ha ispirato molti marchi. Maison Ianné ci porta a Sorrento e ad Amalfi mentre Simone Andreoli vaga per il mondo, dalle Hawaii a Rio a Moorea per creare la sua collezione. La Maison Tahité celebra l'esotico e il gourmand con 2 collezioni separate che esaltano le note di vaniglia e cacao.

Georgiana da Step Aboard
Il packaging di Porfirio Rubirosa di YVRA
Nuvolari di Rubini
The Gate
Fulvio Ciccolo & Aurelia Spitaleri di Sikelia
Voskanian Parfums
Simone Andreoli

Il mio riassunto graffia appena la superficie, ma posso dire che il profumo è davvero un qualcosa di globale! Oltre all'Italia e alla Francia, i marchi provenivano da una vasta gamma di paesi tra cui Polonia, Armenia, Siria, Spagna, Isole Canarie, Portogallo, Svezia, Regno Unito, Turchia, Germania, Lituania, Norvegia, Emirati Arabi Uniti, Austria, Russia e Paesi Bassi. Secondo i rapporti post-evento, circa 1.100 operatori del settore sono venuti alla fiera, tra cui 300 acquirenti stranieri e circa 120 giornalisti o operatori dei media. A un certo punto ho persino visto il vlogger Jeremy Fragrance girare in uno stand!

Patrizia da Bohoboco dalla Poland
Pana Dora dalla Svezia
Regalien dalla Turchia
Vanessa Obrecht da Atelier Oblique dalla Germania
Fum par Fum dalla Lithuania
Il team di Metaphysica dalla Federazione Russa
Maa Althahab dall'Egitto

Il profumiere e naso straordinario Ralf Schwieger è stato l'ospite speciale della manifestazione. Ho partecipato al workshop dove è stato intervistato da Chandler Burr, raccontando storie su alcune delle sue creazioni più conosciute.* Una retrospettiva delle sue opere era in mostra sul posto.

Intervista a Ralf Schwieger

Mi è sembrato che molti brand abbiano sfruttato il periodo di lockdown per professionalizzare i propri strumenti. Ad esempio, i codici QR spuntavano sui biglietti da visita e sulle brochure, eliminando la necessità di voluminosi e costosi volantini. Molti marchi hanno creato kit di scoperta in risposta all'aumento dello shopping online, consentendo ai consumatori di testare un assortimento di fragranze nel comfort della propria casa. Altri hanno rinnovato le loro linee, debuttando con un look nuovo e più contemporaneo nel packaging e nel branding.

Alcune persone potrebbero essere state riluttanti a partecipare alla manifestazione a causa del COVID. Il team dietro Pitti aveva un buon sistema per garantire un ambiente sicuro senza che il processo diventasse una seccatura. Il primo giorno, tutti hanno dovuto fare la fila e mostrare il codice QR del green pass/vaccinazione COVID a un addetto che ha scansionato il documento (o lo schermo del telefono). Quindi un braccialetto di nastro verde è stato messo al polso del partecipante che ha permesso a chi lo indossava di evitare di mostrare nuovamente il pass agli ingressi successivi per tutta la durata dell'evento. Successivamente, i partecipanti hanno ritirato il loro badge che doveva essere scansionato da un addetto all'ingresso allo spettacolo. La "polizia delle maschere" si aggirava per la fiera e a volte doveva chiedere alle persone di rimettersi la maschera, a meno che non stessero annusando, filmando, mangiando o bevendo. La gente rispettava le regole. Lo spazio all'aperto era disponibile per le persone per rilassarsi durante una pausa, fumare o fare una riunione all'aperto. Una volta fuori, la maschera poteva essere rimossa.

In conclusione devo dire che le persone erano entusiaste di incontrarsi di nuovo dal vivo. L'atmosfera era di felicità e ottimismo. Quale città migliore di Firenze, culla del Rinascimento, per riconnettersi, ricostruire e rinnovare la nostra speranza nel futuro.

Arrivederci Pitti Fragranze

*Leggi la mia intervista a Ralf Schwieger su Essencional al link:

RALF SCHWIEGER SULL'ARTE, LA SCIENZA E L'INDUSTRIA DEI PROFUMI (essencional.com)