RALF SCHWIEGER SULL'ARTE, LA SCIENZA E L'INDUSTRIA DEI PROFUMI

2021 . 04 . 16 | scritto da Karen Marin

Aggiungi alla mia selezione

Contenuti originali di Essencional

Persone

Profumo

+1

Che meraviglia - e assoluto piacere - è stato per me intervistare Ralf Schwieger, il naso dietro capolavori come Hermès Eau de Merveilles e Orange Sanguine di Atelier Cologne. Passando dai ricordi d'infanzia a una discussione sul processo creativo e sul ruolo in continua evoluzione del profumiere, non smette mai di sorprendere con sguardi sulle sfide del suo mestiere e del suo triangolo creativo di ispirazione.

Che cosa ti ha attratto inizialmente del profumo e dell'industria dei profumi?
Penso di essere sempre stato interessato ai sensi: l'olfatto era importante, mettere il naso nelle cose. Mi piaceva annusare. Mia madre portava sempre i profumi, per lei era importante e indossava Arpège, quello classico. È una storia divertente come tutto è iniziato. I genitori di un mio amico fin dall'infanzia avevano un'azienda specializzata nella vetrinistica di negozi di profumeria in tutta la Germania settentrionale. Ho lavorato per loro nel back office, ma la parte migliore per me è stata che ho ricevuto tantissimi tester e profumi gratuitamente da quando avevo sedici anni o giù di lì fino ai miei primi vent'anni. Questo mi ha aiutato a costruire la mia libreria di fragranze. Era la fine degli anni '70 o l'inizio degli anni '80, quando i chypres e gli orientali erano di moda . KL Homme di Lagerfeld e Aramis Devin erano alcuni dei miei preferiti di allora, ma molti di questi sono ormai dimenticati. Mi piacciono ancora le note cipriate e legnose. Non mi piacciono le note pesanti e stucchevoli e sento che la trasparenza è sempre una buona cosa da ottenere in profumeria.
Ero anche interessato all'arte e alla scienza. Volevo andare al liceo artistico ma pensavo di essere troppo timido, quindi mi interessavano anche le scienze naturali come la medicina, la chimica e la biologia. Ho studiato chimica e sapevo che la fragranza era in parte chimica. La descrizione del lavoro di un profumiere sembrava una sorta di ibrido: forse non è proprio artistico ma è design. Quindi in un certo senso è stata una buona sintesi che ha unito queste due influenze.

Sei nato in Germania. Quali influenze - dalla tua infanzia, dalla cultura in cui sei cresciuto - ci sono nel tuo lavoro oggi?
Beh, in realtà, ho sempre cercato di partire e di avere l'opportunità di viaggiare e persino vivere in altri paesi perché ero curioso. Ho avuto la fortuna di essere accettato dalla scuola di profumeria Givaudan-Roure che si trovava a Grasse. In effetti la gente mi dice che non sono il tipico tedesco, che sono più francese che tedesco! Sono cresciuto vicino alla foresta ma non so se si possa dire che questo si rifletta nella mia profumeria. Tuttavia mi piacciono le note legnose e muschiose.

Come ti avvicini al processo creativo? Immagini un profumo nella tua mente prima di portarlo in vita? Come lavori?
Ci sono diversi modi per procedere se hai qualcosa in mente, specialmente quando è innescato da qualcosa che hai annusato prima, come un fiore di frangipane che vuoi rendere più glorioso. Ma confronti sempre quello che stai facendo con l'immagine nella tua mente. Quello che è interessante in profumeria, e quello che preferisco di più, è costruire nuovi accordi, nuovi mattoni, usare combinazioni insolite o overdose dove si ha un'idea di una certa tensione tra materie prime che potrebbe produrre un effetto ma non è ancora chiara nella tua mente, quindi stai cercando di avvicinarti e costruire su di essa. Mi piace trovare materie prime e accostamenti insoliti che non sono stati usati molto spesso, ed è ancora possibile farlo in profumeria. Raramente è possibile nel massmarket perchè potrebbe non essere commerciale. Il prodotto viene abbellito o attenuato.
Ciò che affascina della profumeria è esplorare nuovi accordi. Quando ho lavorato con Atelier Cologne alcune delle note agrumate erano eccessive e questo non era comune sul mercato. Alti dosaggi forse ma non in una struttura classica. Ricordo che l'accordo di arancia rossa è stato uno dei primi. A volte può essere troppo, ma qui c'era un piccolo accordo fougère, gli agrumi e le note lussureggianti simili al succo d'arancia. È stato un bel risultato. Poiché Atelier Cologne era nuovo e appena avviato, ho potuto proporre qualcosa di nuovo e loro hanno potuto adottarlo senza esitare. È stato bello che abbiano corso il rischio.
Mi piace fare le mie cose, ma è bello collaborare con qualcuno che potrebbe avere idee migliori. Quando ho lavorato con Nick Steward al Gallivant su Bukhara, è stato fantastico avere qualcuno con una certa visione di come la fragranza dovrebbe provenire dalle sensazioni e dall'umore del luogo. Allora il profumiere è un traduttore di sentimenti. Una volta ho realizzato una fragranza per Etat Libre d'Orange dove mi hanno dato due film da guardare e da lì ho creato la fragranza. Vuoi davvero ottenere ciò che qualcun altro ha in mente, ed è l'aspetto dell'interpretazione che è interessante. Ecco perché mi piace lavorare su progetti di nicchia o one-to-one.

Parlami di una creazione di cui sei orgoglioso.
Quello per cui forse sono più conosciuto è Hermès Eau des Merveilles. Là abbiamo lavorato su qualcosa di salato, e sebbene la gente parli sempre di sale ormai, 20 anni fa non era così comune. Significava tradurre un modo per percepire il sale quando il sale non ha odore. Invece, ci siamo concentrati sull'impressione di fare il bagno nell'oceano, abbiamo cercato di tradurre il fatto di avere una pelle salata, e penso che siamo stati davvero in grado di farlo. È stato un processo così lungo, così tante influenze dall'interno e dall'esterno, quindi ottenere qualcosa del genere non è così facile, specialmente nella profumeria commerciale. Ne ero abbastanza orgoglioso. Era quasi come un classico sviluppo in cui abbiamo lavorato con qualcuno che sapeva come annusare, che ha cercato di portare avanti il ​​processo senza preoccuparsi di offrire una fragranza "Me Too".


Parlami di una fragranza su cui hai lavorato che è stata particolarmente impegnativa.
Ciò che è difficile è quando non sei davvero in prima linea ma tutto giace sulle tue spalle. Quando il tuo nome è associato al marchio, hai una certa responsabilità. Ho realizzato una collezione di 6 fragranze per un nuovo marchio chiamato Helio. È piuttosto piccolo, un ragazzo di Vancouver con una profumeria nella West Coast che voleva creare un'atmosfera da West Coast. Con le grandi aziende ci sono tanti cuochi in cucina, ma in questo caso c'è la responsabilità di non sbagliare. Profumeria commerciale, dove si superano i test, ed è un tipo di competizione che torna in cui devi modificare la nota di testa per rendere più facile per una certa popolazione testare bene, questo è molto tecnico e difficile, ma è un approccio di lavoro di squadra.

Come è cambiato il ruolo del profumiere da quando hai iniziato ad ora?
Quando ho iniziato negli anni '90 c'era già un dipartimento di valutazione, ma era abbastanza nuovo. I profumieri d'altri tempi se ne lamentavano già, ma il ruolo era ancora piuttosto morbido se lo paragoniamo a quello di oggi. Oggi tutto è molto più veloce, tutto ciò che viene cucinato in cucina verrà assaggiato. Non c'è più il filtro del profumiere che cerca di dirigerlo; la direzione è spesso fatta per valutazione e lo si vede nella velocità di commercializzazione e dalle così tante fragranze sul mercato. Tutti i grandi lanci vengono testati, anche in blind test. Testare le fragranze dà l'idea che il cliente stia effettivamente influenzando la creazione, il che è un po 'ridicolo. È un po 'strano perché è un limite all'innovazione e alla creatività.

Che tipo di fragranza non hai ancora fatto che vorresti creare?
Qualcosa come un bel solifiorale - solo rosa, o un bel fiore tropicale bianco. Recentemente ho lavorato di nuovo con l'ylang. O appunti fuori moda che vuoi rivisitare di nuovo. Puoi farlo in modo commerciale, ma spesso faccio qualcosa che è un po 'più là fuori e poi posso usare l'accordo per qualcosa di più commerciale. Forse un vero e proprio bel vetiver perché non ne ho fatto davvero uno. Quello che davvero non mi piace è annusare una grande nota per strada, come un legno di sandalo pesante o una nota secca ambrata. Se questa è profumeria moderna, allora sono già all'antica. Vedo nuovi profumieri lavorare su temi che trovo poco estetici ma considerati moderni, quindi questa idea di ciò che è moderno è molto intrigante.

Ho letto che ti ispiri all'arte, alla scienza e all'industria. Come si adattano alla creazione di profumi? Stai usando l'intelligenza artificiale?
Non sto usando l'intelligenza artificiale a questo punto. Può essere affascinante ma no, cerco di cavarmela senza. Per me arte, scienza e industria formano un triangolo creativo: l'arte può essere disordinata mentre la scienza deve essere precisa e l'industria è ciò che è laborioso e richiede tempo. Non puoi essere creativo ogni minuto. Un giorno sei più industrioso. Mi piace leggere di scienza. Tutto innesca diverse parti del mio cervello.

Possa tutto continuare a ispirare nuove meravigliose creazioni.

Ralf Schwieger in laboratorio
Pensando alla prossima creazione