MOMENTI FRAGRANTI NEL TEMPO: annusare il passato all'Aia

2021 . 08 . 06 | scritto da Karen Marin

Aggiungi alla mia selezione

Contenuti originali di Essencional

Musei del Profumo

Eventi

+1

Cosa serve per creare un evento multisensoriale? Come è concepito e di quali considerazioni bisogna tenere conto? Quest'estate il museo Mauritshuis dell'Aia ospita una mostra unica intitolata Fleeting – Scents in Color in cui la fragranza migliora l'esperienza dei visitatori. Incuriosita da questo incontro di arte e profumo, ho contattato i curatori e il loro partner di fragranze presso International Flavors & Fragrances (IFF) per conoscere la storia completa e, non appena i confini europei si sono riaperti, ho prenotato un viaggio nei Paesi Bassi per visitarla io stessa.


CREANDO LA MOSTRA

Ariane van Suchtelen, curatrice dei dipinti olandesi del diciassettesimo secolo al Mauritshuis dell'Aia, mi ha detto che ha iniziato a pensare a questo progetto quasi 2 anni e mezzo fa. “Mi interessava molto il fenomeno della sensazione storica che si verifica quando ci si sente legati al passato guardando quadri presi dalla vita quotidiana. Funziona bene con l'olfatto che è collegato alle nostre emozioni e ai nostri ricordi. È sembrato molto interessante esplorare il nostro senso dell'olfatto come tema nell'arte da una serie di prospettive tra cui quella storica, come facciamo nella mostra, e anche quella culturale, trovando profumi del passato. È un modo diverso di avvicinarsi all'arte in un museo, non solo guardando”.

La prima sala della mostra è dedicata a stampe e dipinti in cui l'olfatto è raffigurato come uno dei Cinque Sensi. Vediamo incisioni in cui donne, o figure allegoriche, annusano fiori, seguite dall'opposto polare in cui i cattivi odori assumono la forma di bambini che defecano o si puliscono il sedere. I cani sono spesso presenti in queste opere poiché sono riconosciuti per il loro acuto senso dell'olfatto, e persino uno zibetto* è rannicchiato ai piedi di una donna nell'Allegoria dell'olfatto dei maestri olandesi Jan Brueghel e Peter Paul Rubens. La mostra si sposta poi attraverso una serie di stanze dove il profumo è protagonista nelle rappresentazioni della vita quotidiana che spaziano dall'interno e dall'esterno, al ruolo dell'olfatto nella salute, alla scoperta di nuovi elementi provenienti dalle rotte commerciali, per concludersi poi con profumo e religione.

Jan Saenredam, Odore, Rijksmuseum
Allegoria dell'odore

Come ha spiegato la signora van Suchtelen, la creazione della mostra è iniziata identificando i temi, quindi esplorando diversi soggetti e trame prima di pensare infine agli odori che potrebbero migliorare l'esperienza visiva. “Abbiamo messo prima le opere d'arte poi abbiamo pensato agli odori che in esse sono rappresentati. Stavamo cercando modi per ricostruire quei profumi in modo che potessero essere vissuti dagli spettatori per aggiungere un'altra dimensione all'esperienza, perché poi è molto radicata storicamente".


AGGIUNGERE IL PROFUMO

Ed è qui che entra in gioco IFF: portare quella dimensione in più - la dimensione del profumo - nel contesto museale. Bernardo Fleming, Scent Designer di IFF, mi ha detto che per questo progetto vede il suo ruolo volto a "tradurre la richiesta da un punto di vista artistico, concettuale e tecnico in un brief creativo in modo che i nostri profumieri possano lavorare sui progetti". Ha dovuto affrontare alcune richieste senza precedenti: ricreare l'odore dei canali del XVII secolo e l'odore di una balena spiaggiata. In generale, i profumieri hanno il compito di creare bellissime fragranze che deliziano le persone, quindi come fanno il contrario?

Prima di tutto il signor Fleming voleva capire il contesto e la storia che doveva essere raccontata. “Hai di fornte un bel dipinto, ma rappresente qualcosa che non aveva affatto un buon odore. Bisogna mettere insieme tante narrazioni: l'umidità della città, le latrine, il letame dei cavalli, il bosco – ma noi abbiamo voluto metterci anche il profumo dei tigli perché sono stati piantati per contrastare gli odori dei canali. Quindi tutti gli odori dovevano confluire in una composizione che nel complesso fosse coerente con l'opera d'arte e che non fosse volutamente piacevole, ma che raccontasse la storia nel dipinto”. E così i profumieri hanno dovuto prendere un drastico allontanamento dal loro consueto modo di creare. Ha continuato: “Il mio ruolo era guidarli in questo territorio insolito e sconosciuto. Ho dovuto sfidare i profumieri a lavorare con ingredienti che nel loro quotidiano non lavorano o che usano in modi molto diversi. Il che è stato interessante per loro da un punto di vista creativo. Pensa ai prodotti per la pulizia: sappiamo che c'è un cattivo odore che vogliamo mascherare o contrastare, ma nel contesto di questa mostra dovevamo usare i cattivi odori come parti evidenti della creazione. L'uso non convenzionale dei materiali e delle tecnologie è stata una sfida creativa, motivo per cui mi piace molto questo progetto, perché serve ai profumieri per applicare le loro abilità in territori completamente inesplorati. E anche nei livelli dei materiali perché, lo scatolo**, lo usano, ma in quantità davvero minuscole. Qui hanno dovuto sovradosare questo materiale per portare l'odore delle acque reflue di Amsterdam, quindi c'è un apprendimento su come si comporta il materiale usando livelli a cui non sono abituati. Per un'altra opera d'arte, che raffigura una balena spiaggiata, il profumo creato ha suggerito ulteriori nuove conoscenze. Ricorda: "Inizialmente abbiamo creato un profumo che aveva note marine e di ozono, ma i curatori volevano un'enfasi più evidente sull'odore di ambra grigia***, quindi abbiamo dovuto ridefinire l'intento creativo di questo profumo e siamo andati direttamente in questa direzione olfattiva. mettendo in evidenza questo materiale”.

Annusando i canali
Jan Saenredam, Balena arenata a Beverwijk, Rijksmuseum

Infatti, quando mi sono trovata davanti a queste due opere non sapevo bene cosa aspettarmi. Mentre camminavo con cautela sul diffusore di profumo di fronte alla vista sul canale di Jan van der Heyden, ho inalato un profumo che era molto meno sgradevole di alcuni che ho incontrato per le strade di Parigi. Una sottile nota fresca (proveniente forse dai tigli?) ha compensato ogni cattiveria. Passando all'incisione di Balena spiaggiata a Beverwijk, sono rimasta incuriosita dal calore terroso del profumo di ambra grigia, coerentemente con il fatto che mi sono sempre piaciute alcune fragranze che storicamente contenevano questo ingrediente.


ALLA TUA SALUTE

Il tema del profumo e del suo rapporto con la salute e l'igiene è stato particolarmente interessante per me, soprattutto ora che continuiamo a fare i conti con una pandemia. Che ruolo aveva il profumo centinaia di anni fa? Le persone nel 17 °secolo credevano che gli odori maleodoranti potessero essere dannosi, da qui l'uso del pomander. Questo oggetto a forma di mela, che poteva essere portato o indossato sul corpo, conteneva erbe profumate o aromi pensati per allontanare malattie e infezioni. Lizzie Marx, ricercatrice e assistente della mostra, ha cercato tra i ricettari dell'epoca, molte delle traduzioni italiane, francesi o olandesi degli originali, per ricreare l'odore di ciò che poteva esserci all'interno del pomander, ispirandosi a ricette reali esistenti all'epoca . “Ho trovato consigli su come scacciare i parassiti, come preparare e conservare il cibo, come creare diverse fragranze. A volte gli ingredienti erano in latino. Abbiamo dovuto convertirci agli attuali sistemi di misurazione e poi l'abbiamo passato a IFF che ha fatto un lavoro straordinario nel ricostruire questi odori. E poi hanno reso applicabile per uno spazio museale unire gli odori nel miglior modo possibile con un'opera d'arte".

Il signor Fleming ha descritto la complessità della creazione del profumo. “Per il pomander è stato un esercizio affascinante dal punto di vista creativo. Abbiamo dovuto pensare al pomander invernale e al pomander estivo, abbiamo avuto gli ingredienti dalle ricette, abbiamo capito lo scopo e come sarebbe stato utilizzato, quindi sapevamo che dovevamo avere cannella, zibetto, zafferano, canfora, muschio. Il nostro profumiere ha creato una bellissima fragranza a tutto tondo, ma doveva essere più cruda perché il profumo per la mostra doveva avere un profumo come se fosse una combinazione degli elementi della ricetta originale e non una splendida composizione. Abbiamo dovuto "non abbellire" una fragranza per renderla più realistica rispetto a ciò che doveva rappresentare".

Pomander
Ritratto di Maria Schuurmann, Artista Sconosciuto, Rijksmuseum

FARE COLLEGAMENTI

Certamente, l'arte è al centro della mostra, ma l'aggiunta di un profumo offre ai visitatori un modo nuovo e inaspettato di stabilire connessioni e rende l'intera esperienza più memorabile. Cattura anche l'attenzione degli spettatori. Il signor Fleming ha condiviso con me un ricordo personale. “Ho portato mia figlia di 9 anni e i bambini della sua scuola a una mostra con il profumo. C'era un ragazzo che era come me quando ero giovane: si metteva sempre nei guai, si comportava male. Ma per l'intera ora del tour è stato estremamente attento e impegnato... questo può generare un comportamento diverso quando ti colleghi alle opere d'arte attraverso il naso. Lo rendi accessibile a persone che normalmente non sono interessate. Penso che apra una dimensione completamente nuova al modo in cui le persone sperimentano l'arte”.

Sono d'accordo con l'onorevole Fleming. Sono andata alla mostra con un'amica che non è nel settore delle fragranze e penso che la dimensione del profumo sia stata intrigante e stimolante per lei. Quando ci siamo allenate di nuovo ad Amsterdam, ha avuto alcune domande e osservazioni che probabilmente non sarebbero emerse dopo una tipica visita al museo. La vita poteva davvero avere quell'odore? Credi che l'abbiano un po' attenuato? L'ambra grigia non ha un odore peggiore? Che effetto ha in profumeria? Il profumo ha aperto la porta a conversazioni che altrimenti non avremmo potuto avere. In effetti ho tirato in ballo la missione di Odeuropa, l'organizzazione che sta creando un archivio olfattivo che documenta gli odori dal 1600 all'inizio del XX secolo in Europa. Quando ho detto che alcuni odori stanno scomparendo dal mondo moderno, come l'odore di un vecchio libro o di una biblioteca (dato che la gente legge su Kindle), il mio amico, che è un autore pubblicato, ne ha subito visto il valore.

Corri al Mauritshuis prima che la mostra finisca, lasciando dietro di sé una fugace traccia di spezie, tiglio e mirra. Complimenti ai team per averci portato questa meravigliosa esperienza multisensoriale e un ringraziamento speciale a Hedwig Wösten per averci offerto una visita guidata.

Fino al 29 agosto 2021


PORTALO A CASA

Per coloro che non possono venire alla mostra, o per coloro che desiderano riviverla a casa, il museo ha creato una scatola di profumi interattiva di scoperta che include 4 profumi della mostra insieme all'accesso a un tour digitale condotto da Ms van Suchtelen e il giornalista Joël Broekaert.

https://shop.mauritshuis.nl/en/fleeting-box-mauritshuis.html


Fonti

https://www.mauritshuis.nl/en/discover/exhibitions/vervlogen-in-geuren-en-kleuren/

https://www.nez-larevue.fr/culture-olfactive/odeuropa-le-patrimoine-olfactif-de-leurope/

https://amp.theguardian.com/artanddesign/2021/feb/28/mauritshuis-hague-smell-in-dutch-golden-age-art-fleeting-scents-in-colour-scent-kit-virtual-tour

http://www.thegoodscentscompany.com/index.html


Note

*Gli zibetti erano la fonte di un ingrediente prelevato dalla loro ghiandola anale che dava una qualità polverosa e vellutata alle fragranze.

**Lo scatolo è un ingrediente utilizzato in profumeria che può odorare di materia fecale, ma in quantità minuscole può dare l'effetto di un fiore troppo maturo.

***L'ambra grigia conferisce alle fragranze un aspetto caldo, ambrato, muschiato e vanigliato.