DIVERSITA' NEL "LABORATORIO DELLE FRAGRANZE"

2020 . 12 . 04 | scritto da Karen Marin

Aggiungi alla mia selezione

Contenuti originali di Essencional

Profumo

Nasi

+2

Secondo uno studio del gruppo di ricerca Brazen, il tema della diversità sul posto di lavoro ha iniziato a farsi notare intorno al 2008, presto seguito dal concetto di inclusività. La necessità di riconoscere e valorizzare le differenze delle persone è vitale per le imprese, per la società e per il bene comune, poiché tutti noi possiamo trarre vantaggio da un mix diversificato di pensieri, culture, background, esperienze e identità. Pensare a questi argomenti, e soprattutto alla luce degli eventi instabili del 2020, mi ha portato a interrogarmi sulla diversità nel laboratorio di fragranze. Ho contattato tre profumieri, ciascuno con una storia e un background unici. Ho incontrato Alex Lee, profumiere di Mane, circa 8 anni fa, quando ci siamo uniti per l'essere ex abitanti di San Francisco che si sono trasferiti a Parigi. Sono stata presentata a Shyamala Maisondieu, profumiera di Givaudan, a una piccola festa, durante la quale abbiamo scoperto il nostro amore reciproco per il profumo e l'arte. E Luc Solomon, imprenditore e creatore di fragranze su misura presso The Elemental Fragrance Company, è entrato recentemente nella mia vita. Mentre stavo mettendo insieme questo articolo sono rimasta sorpresa di trovare così tante cose in comune, opinioni condivise e molto entusiasmo e ottimismo.

Quando e come ti sei interessato per la prima volta ai profumi?
Alex Lee
: Probabilmente all'età di 4 o 5 anni quando inseguivo le bambine all'asilo perché mi piaceva annusare i loro capelli. Qualcosa in quell'odore pulito dello shampoo mi ha incuriosito. Crescendo, quando andavo a fare shopping con mia madre e mia sorella, andavo nel reparto profumi per annusare tutto. Alla fine ho iniziato a collezionare fragranze e sono entrato nelle comunità online, iniziando con Basenotes. L'articolo del New Yorker che Chandler Burr ha scritto su Jean Claude Ellena e la creazione del profumo di Hermès Un Jardin sur le Nil è stato un punto di svolta per me perché è stato allora che ho capito che il profumo sarebbe stato molto più di un semplice hobby.

Luc Solomon: Il potere del profumo è sempre stato come una magia per me. Da bambino vivevo in una piccola città della Carolina del Sud dove mio nonno aveva una fattoria. Mia nonna era un'avida giardiniera e aveva molti fiori nel cortile. Ricordo fresia e caprifoglio, un fico su un lato della casa, e poi alberi di noci pecan sull'altro lato. Dall'altra parte della strada, al di là di alcuni binari, c'era un campo di tabacco. Ogni giorno vi era una fusione di così tanti profumi, e quei ricordi sensoriali sono rimasti con me per tutta la vita.

Shyamala Maisondieu: Ho sempre amato gli odori. Sono cresciuta in Malesia, dove sei circondato da fiori e frutti. Ricordo come avevamo i fiori di frangipane che mettevo tra i capelli quando ero bambina. Ma il lavoro di profumiere non era molto conosciuto in Asia. Ciò che mi ha attratto della professione è stato il fatto che è un mix di scientifico e artistico. Usi molte conoscenze scientifiche e procedi in modo matematico mentre allo stesso tempo sei ispirato dalle emozioni dando sfogo alla produzione artistica.

Quali valori o tradizioni hanno avuto per te le fragranze durante l'infanzia e quando sei cresciuto?
AL
: Mio padre era un professore e mia madre lavorava con prodotti farmaceutici, e nessuno dei due portava profumi. Mio padre era di Singapore, famoso per il durian, e mia madre era di Taiwan, nota per il bubble tea, e ricordo di aver viaggiato in questi paesi e di essere stato sopraffatto dai vari odori, principalmente del cibo. In effetti, ho imparato a conoscere il mondo olfattivo attraverso la cucina. Mio padre teneva una festa del Ringraziamento ogni anno in cui invitava molti studenti internazionali. Ognuno portava una pietanza e ricordo di aver sentito odore di curry, salsa di pesce, spezie e tanti cibi diversi. Era il mio giorno preferito dell'anno. Ricordo anche che era importante per mio padre piantare cespugli di rose davanti a ogni casa in cui vivevamo. L'odore delle rose mi fa venirein mente tanti ricordi.

LS: Mio nonno indossava sempre Brut. Aveva il sapone, la fragranza, tutto. Ed era orribile. Sapevo che quando sarebbe arrivato il mio momento di indossare un profumo, non avrei voluto odorare così. La fragranza maschile aveva sempre un odore così aspro e che ricorda l'aria aperto, ma non doveva essere così. Un odore sensuale può anche non essere così opprimente. Al liceo andavo al banco delle fragranze nei grandi magazzini dopo la scuola e passavo il tempo lì ad annusare cose diverse. Il mio preferito di tutti i tempi di allora era Fahrenheit. È ancora così speciale per me.

SM: Sono cresciuta in un ambiente sensoriale molto ricco. La Malesia è vicina all'Equatore e si dice che più sei vicino all'Equatore, più i fiori e i frutti tendono ad essere profumati. Anche il cibo ha avuto una grande influenza. Mia madre cucinava con tante spezie diverse e infatti le grigliava e le friggeva singolarmente. Mi ha permesso di identificare ogni spezia come il coriandolo, il finocchio e lo zenzero, dal suo odore, anche se alla fine le spezie sono state mescolate insieme. Inoltre, i frutti sono molto pungenti, come il durian, e lo adoravo.

Dove hai fatto la tua formazione?
AL
: All'università ho studiato per diventare un medico perché volevo aiutare e curare le persone. Dare consigli a qualcuno sulle fragranze ed essere ringraziato da questa persona per aver risvegliato i suoi sensi olfattivi mi ha fatto capire che potevo aiutare le persone attraverso il profumo. Ho frequentato l'Istituto di Profumeria di Grasse, poi ho conseguito il master all'ISIPCA prima di essere ammesso alla Scuola di Profumeria di Mane.

LS: È abbastanza diverso dal tradizionale percorso da profumiere. Ho un diploma in Media & Arts, poi ho studiato psicologia generale e poi ho ottenuto il mio master in psicologia clinica alla Columbia - tutto molto lontano dal profumo! Quando ho smesso di praticare mi sono fatto crescere la barba, ma c'era un punto del mio viso dove la mia barba non sarebbe cresciuta, quindi ho deciso di creare un olio per barba. Il primo aveva un odore orribile e questo è stato il motivo per cui ho iniziato a dilettarmi nel mondo dei profumi. Sono andato online e ho iniziato a studiare fragranze. Ho seguito alcuni corsi allo Scentsorium di New York che mi hanno coinvolto maggiormente nella creazione di profumi. Eravamo piccoli gruppi di meno di dieci persone. Mi sono immerso nella profumeria. Ho studiato i grandi profumieri e le tecniche. Ho investito un miliardo di dollari sugli oli. Poi ho iniziato a viaggiare in modo da poter procurarmi buoni materiali per fare le mie tinture, sono andato in giro a raccogliere ingredienti. Ho dovuto scomporre determinati materiali e trovare le mie combinazioni, il che richiede molta sperimentazione. Ma significa anche che nessuno sarà in grado di riprodurre il mio lavoro poiché il tempo, la forza e la composizione variano nei processi che utilizzo.

SM: Avrei voluto diventare un'astronoma ma ho finito per studiare ingegneria chimica. Avevo una borsa di studio che mi ha portato a una rinomata università di ingegneria in Inghilterra, e quando sono tornata in Malesia stavo cercando un lavoro in ingegneria. Ma sono stata attratta da un avviso che Givaudan aveva messo sul giornale per la ricerca di candidati con un background di chimica. Quello che mi ha veramente colpito è stato il fatto che menzionava che ci sarebbe stato un viaggio, e questo mi attraeva davvero. Givaudan stava trasferendo la sua sede in Asia da Hong Kong a Singapore, e stavano cercando persone in quella zona. Inizialmente volevano portarci avanti, addestrarci a diventare profumieri in Francia e poi rimandarci in Asia. Mentre ero in Francia ho incontrato Antoine, che è diventato mio marito ed è per questo che sono rimasta in Francia.

Quali incarichi hai ricoperto e con quali aziende?
AL
: Ho fatto alcuni stage in altre case, ma sono a Mane dal 2011, dove ho progredito attraverso i livelli di apprendista da profumiere junior a profumiere.

LS: Come ho già detto, ho iniziato a praticare la psicologia clinica e poi, attraverso una serie di eventi, sono diventato una creatore e imprenditore di profumi su misura. Ho fondato The Elemental Fragrance Company nel 2018

SM: Dopo la mia completa formazione ho lavorato per circa un anno per Givaudan. Dovevo tornare in Asia, ma la mia relazione era seria e ho deciso di restare, ma ho dovuto lasciare Givaudan. Antoine lavorava lì ed era diventato famoso. Il fatto che stessimo insieme rendeva difficile per altre società assumermi. Finalmente ho avuto una chiamata da un'azienda giapponese chiamata KAO. Ho imparato molto lì perché era una piccola azienda, era molto multiculturale e i profumieri senior ci hanno davvero formato. Eravamo cinque profumieri, due junior e tre molto senior che erano inglesi, francesi e svizzeri. Ho lavorato su molti prodotti diversi come shampoo e detersivo per bucato. Alla fine i KAO hanno deciso di trasferire la loro sede in Spagna e nel 2006 sono tornata a Givaudan. Fu allora che iniziò davvero la mia carriera nei profumi.

Come te la sei cavata fino al 2020? Il volume di lavoro è variato rispetto agli anni precedenti? È stato difficile trovare progetti? Come hai affrontato personalmente tutto questo?
AL
: il COVID-19 mi ha davvero permesso di rallentare la mia routine. Siamo passati a lavorare parzialmente da casa. Questa nuova organizzazione offre un ambiente più tranquillo con meno interruzioni (fortunatamente non ho ancora figli!), il che aiuta il processo creativo. Siamo stati molto fortunati in Mane perché stiamo ottenendo molte opportunità e penso che dimostri che stiamo costruendo fiducia con i nostri clienti.

LS: Il confinamento è stato piuttosto interessante. All'inizio è stato un po 'deprimente perché stavo andando bene, ma poi ho dovuto fermarmi e pensare a quello che stavo facendo. La mia ragazza è coinvolta in un'azienda che crea e vende prodotti spirituali. Mi ha chiesto di creare due fragranze spirituali per lei. Ho pensato che fosse un po 'strano, ma ho fatto qualche ricerca e ho trovato una fragranza per aiutare a manifestare (Manifest Them) e un'altra chiamata Get Money che viene usata con una candela di denaro. Sono tutti accompagnati da preghiere ed elementi che usi per concentrarti sull'attirare cose a te, come il successo, i soldi o l'amore. E da febbraio ad oggi abbiamo venduto circa 5000 bottiglie! Di conseguenza, le persone sono diventate curiose del resto dei prodotti che realizzo. Quindi questo progetto, insieme alle mie fragranze abituali, è stata una grande opportunità

SM: I nostri clienti sembrano essere un po 'frenetici perché i profumi raffinati sono stati duramente colpiti in termini di vendite. Quindi penso che in risposta a ciò, i progetti siano aumentati. I miei clienti si stanno davvero concentrando su nuovi progetti, alcuni dei quali non sono programmati per il lancio per uno o due anni. Ma penso che dal momento che sono anche in isolamento, sono più ansiosi di ottenere rapidamente le prime prove, quindi hanno qualcosa su cui lavorare. Ho più di una dozzina di progetti attivi in questo momento e sono entusiasta di tutti loro, ma è stressante! Dò tempo a tutti e le mie relazioni con i miei clienti sono molto importanti per me. Le emozioni che proviamo sono quasi l'ingrediente segreto di una bottiglia.

Credi che la tua etnia porti un punto di vista unico alla profumeria?
AL
: Mi trovo in una posizione davvero unica perché sono cresciuto in America, il mio background è radicato nella cultura asiatica e ho il know-how francese, avendo vissuto in Francia e ottenuto la nazionalità quest'anno. Posso collegare molte culture. Con i miei progetti attuali, lavoro su molti locali ma ne ho anche molti destinati al mercato locale cinese. Capisco la cultura, i codici e gli odori che attirano la maggior parte delle persone. Il mio amore per il cibo aiuta davvero perché capisco che abbiamo una connessione emotiva con il cibo, un po 'come facciamo con i profumi.

LS: Credo che la mia etnia porti un certo tipo di passione e sensualità in ciò che creo, essere un uomo di colore in America comporta un carico pesante da sopportare, attingendo a quella pressione e agli eventi del passato, del presente e del futuro mi permette di usare il dolore e la gloria di quelle emozioni. Crea una grande creatività in questa forma d'arte e mi permette di realizzare prodotti con caratteristiche complesse e profondità

SM: Penso che tutti abbiano un ricco background. Di sicuro ho un odore diverso rispetto a molte persone. In questo campo condividiamo la stessa lingua per parlare di fragranze, ma i miei ricordi e riferimenti olfattivi sono diversi. Quando stavamo studiando le materie prime ci è stato insegnato a ricollegarle al nostro passato perché gli odori sono molto emotivi, e quando li colleghi a qualcosa del tuo passato li ricordi meglio. Ma alcune materie prime avevano un odore molto diverso per me che per i miei coetanei. Nei primi anni di profumeria, associavo cose a ricordi che avevo e che altri non avevano. Pensa al latte di soia o a un frutto che un profumiere europeo non conoscerebbe, come il mango verde. Ho anche imparato a conoscere la cultura francese, il cibo francese e il modo in cui i francesi si avvicinano al profumo, ma ho un altro background. So l'odore degli asiatici; So cosa gli piace. Ho una diversa varietà di colori nella mia testa. Era molto diverso quando sono arrivata in Francia per la prima volta. Ora lo considero una forza invece che una debolezza.

Qual è la sfida più grande che hai dovuto affrontare?
AL
: Direi venire in Francia e adattarmi alla cultura, ai codici sociali e alla condotta francesi. Come straniero hai sempre paura di sbagliare, pronunciare male le parole, arruffare le piume. Alla fine arrivi a un punto in cui puoi vivere senza preoccuparti di commettere errori e sai che stai facendo più cose giuste che sbagliate. Ma ci vuole tempo. Anche lavorare nella cultura francese è molto diverso. Ho dovuto imparare come le persone fanno affari, come lavorano in modo creativo e ho dovuto adattarmi. In definitiva, ti consente di guadagnare rispetto e di essere visto in una luce positiva

LS: La sfida più grande è stata essere presi sul serio. Come uomo di colore in America, la gente penserebbe automaticamente che stia vendendo prodotti economici, specialmente quando stavo cercando di entrare in certi negozi. Le persone guardano le persone di colore come se facessimo solo cose dal nostro background nativo. Potrebbe essere così, ma non sempre. Ho inviato i miei discovery kit per la revisione e ho scoperto che le persone non si erano nemmeno prese il tempo di leggere la mia brochure o di annusare le fragranze che avevo inviato loro. Questo è doloroso ma mi ha fatto lavorare di più. Non succede più così tanto come all'inizio. Tutto quello che puoi fare è fare del tuo meglio e il tuo lavoro alla fine parlerà da solo, indipendentemente dal colore della tua pelle. E devi realizzare un lavoro fantastico, ed è di questo che mi occupo.

SM: Penso che sia stata una serie di sfide! Avviare la scuola è stata una sfida, poi, dopo, la sfida è stata creare profumi che potessero vendere. Venendo alle belle fragranze, la sfida era anche mimetizzarsi, lavorare con il set parigino francese, capire questo mondo dove c'è quasi un insieme di codici e persino un dress code che è importante rispettare. Ma la sfida più grande è probabilmente cercare di rimanere fedeli a se stessi. Trasferirsi in un altro paese può essere difficile quando diventi orgoglioso delle tue origini. C'è una linea sottile tra il cercare di mimetizzarsi rimanendo fedele a se stessi - sono ancora indiana e sono ancora malese mentre vivo in Francia - quindi sono a cavallo di tre culture! A volte è una sfida per me farmi sentire in una cultura che tende ad essere schietta. C'è una parte asiatica di me che rispetta la gerarchia, obbedisce alle regole ed è tranquilla ed educata, eppure in Francia le persone parlano e parlano - e lo adoro! Sono orgogliosa della mia identità, che ora può essere considerata un plus, e vedo che le persone sono interessate a conoscere me e il mio background.

Quale consideri il tuo più grande successo?
AL
: Direi diventare un profumiere. Sono in grado di "guarire" le persone, portare gioia e far sentire meglio le persone attraverso i profumi. E sono anche il primo profumiere di belle fragranze asiatico-americano in Francia. Sono stato molto fortunato perché Mane ha visto in me il potenziale creativo per lavorare in fragranze raffinate in Europa, mentre altre aziende hanno visto il mio valore solo nella creazione di beni di consumo per i mercati americani e asiatici

LS: Il mio più grande risultato? Capire le persone. Mentre facevo pratica ho finito per avere intuizioni per capire le persone e poi ho iniziato a chiedermi che odore vorrebbero avere le persone? Questo mi aiuta davvero a fare le mie formulazioni. Posso avere una visione di qualcuno che mi ispirerà a creare un profumo che completerà il loro stile, la loro persona.

SM: Quando penso al fatto che sono una donna, sono asiatica e ho la pelle scura, mi rendo conto di quanto sono commossa dal fatto che sono qui e faccio questo lavoro. Direi che ci sono tre risultati chiave che mi hanno colpito. Nel 2018 due fragranze che avevo creato per Tom Ford, F ***** g Fabulous e Oud Minérale hanno vinto i premi Fifi. Ero molto orgogliosa e così felice per questo riconoscimento. Poi, nel 2019, mi è stato assegnato il Prix Coty che riconosce un profumiere per il loro corpo di lavoro. È un premio molto prestigioso. Ho dovuto sottoporre diverse fragranze che sono state vendute sul mercato per la valutazione, e poi si va a un test alla cieca da parte di una giuria di esperti che vota. Penso che ci fossero altri venti contendenti e ricordo di aver mandato Charogne (Etat Libre d’Orange) e Run Free (Colonia Mugler). Quando ho vinto, ero davvero senza parole, ero così onorata! E l'ultimo momento riguarda l'Idole di Lancôme. Sono molto orgogliosa di questo progetto perché è stato un grande successo anche per Givaudan. Ha richiesto molto lavoro di squadra tra i profumieri, gli assistenti di laboratorio, i venditori, i valutatori: è stato un progetto di 4 anni e mezzo. Il giorno in cui abbiamo scoperto di aver vinto il progetto, abbiamo festeggiato tutti, l'intera squadra insieme. E poi abbiamo vinto il Fifi all'inizio di quest'anno.

Hai un momento preferito o sorprendente della tua carriera di cui vorresti parlarmi?
AL
: Non dimenticherò mai quanto fossi eccitato quando Christine Nagel mi ha chiamato per farmi sapere, dopo un lungo ed estenuante processo di intervista, che ero uno dei 2 candidati ammessi alla Mane Perfumery School.

LS: Quando altre persone vengono da te e ti commissionano di realizzare prodotti per loro, è un'evidenza del fatto che ciò che stai producendo è buono e che alle persone piace quello che faccio. Questo è stato un segno per me che ho un dono. Ho ricevuto una commissione per una fondazione per il cancro al seno. Fanno un gala annuale a New York City e mi hanno contattato per fare un profumo. Amavano il mio lavoro e hanno selezionato tre fragranze da produrre e vendere. Quella è stata la prima volta che mi è stato commissionato un progetto. Attualmente ho sei clienti. A volte è travolgente ed hai la sensazione di essere veramente benedetto. Sono grato per l'opportunità di produrre e raggiungere altre persone con questa forma d'arte

SM: Ricordo di essere arrivata a Nizza, nel sud della Francia, per frequentare una scuola di profumeria. Dal finestrino dell'aereo vedevo questo mare azzurro e blu e le palme che mi ricordavano casa. Sapevo di essere finalmente riuscita a iniziare qualcosa di nuovo nella mia vita, e poi mi sono detta: "Diventerò un profumiere". È l'inizio di tutta la storia fino ad ora.

Cosa vorresti che facesse l'industria dei profumi?
AL
: Vorrei che l'industria facesse pressioni per l'educazione sui profumi per bambini come parte del programma di educazione generale. Potrebbe essere divertente per i bambini! Potrebbero conoscere profumi piacevoli e sgradevoli e anche odori che ti avvisano di situazioni come incendi e odore di gas. L'apprezzamento deriva dall'apprendimento, quindi se il processo inizia da giovani, potremmo avere una popolazione più ampia che apprezza e comprende i profumi raffinati

LS: La fragranza è una forma d'arte e i profumieri, in quanto artisti, sono sempre critici su se stessi e su ciò che fanno. Vorrei che l'industria dei profumi fosse un po 'meno giudicante sui marchi di nicchia. Non siamo economici, il nostro lavoro vale quanto qualcuno che ha un laboratorio da molti milioni di dollari. Sì, siamo più piccoli ma il nostro lavoro è rispettabile

SM: Vorrei che l'industria dei profumi prendesse più rischi. Penso che ci affidiamo molto ai test; possiamo anche essere paralizzati da questo. Prendo più rischi con la nicchia, ma anche ora i marchi di nicchia stanno iniziando a ritirarsi. Dobbiamo ricordare che a volte i classici sono diventati classici perché erano diversi.

Per maggiori informazioni visita:
https://www.manescentedsuccesses.com/alexlee
https://www.theelementalfragrances.com/
https://www.givaudan.com/fragrance-beauty/perfumery-school


FONTI:
https://www.brazen.com/resources/a-brief-history-of-diversity-in-the-workplace-infographic
https://www.cipd.co.uk/knowledge/fundamentals/relations/diversity/factsheet

Alex Lee ad Esxence
Alex Lee
Luc Solomon
Shyamala Maisondieu
Lancome Idole Shyamala Maisondieu
Fragranze di Shyamala Maisondieu
La collezione i di The Elemental