DIETRO IL FLACONE: CREARE IL PREZIOSO CONTENITORE PER RACCHIUDERE LA FRAGRANZA

2021 . 11 . 12 | scritto da Karen Marin

Aggiungi alla mia selezione

Contenuti originali di Essencional

Profumo

Nasi

+4

“La fragranza rimane come un gioiello nella sua bottiglia di cristallo finché non viene liberata. Ed è per questo che il flacone è così importante e va disegnato con cura”. Così ha detto il profumiere e fondatore del suo marchio omonimo Ramon Monegal quando l'ho intervistato all'inizio di quest'anno. Da allora, il pensiero del design dei flaconi di fragranze è stato un argomento che ho voluto esplorare ulteriormente. Quali sono le origini? Come si è evoluto negli ultimi cento anni? Qual è il processo e quanto tempo ci vuole? Negli ultimi mesi, incontrando persone profondamente coinvolte nel processo, sono stata in grado di indagare su questa parte dell'universo delle fragranze per me fino ad allora inesplorata.

Flacone di Ramon Monegal

IL CONTESTO STORICO

Sappiamo che le culture mediterranee usavano i profumi sia per scopi religiosi che cosmetici e altrove sono state attribuite versioni di profumi all'antica Mesopotamia, all'India e alla Cina. Diversi anni fa sull'isola di Cipro è stata scoperta un'antica profumeria che si stima risalga al 4000 aC. In Egitto sono stati trovati recipienti realizzati con lo scopo deliberato di trattenere il profumo, originari del Medio Regno (circa 2030 - 1650 a.C.). I vari contenitori erano realizzati in legno, pietra, marmo, terracotta e maiolica, ma una volta che l'antico processo di lavorazione del vetro si sviluppò in Mesopotamia, il suo uso si diffuse nel bacino del Mediterraneo fino all'Egitto e alla Grecia. Gli artigiani siriani crearono la tecnica del vetro soffiato alla fine del I secolo a.C., con la conseguente preferenza per gli imballaggi in vetro. Questo formato è stato favorito in tutto l'Impero Romano ed è forse l'inizio del rapporto speciale tra profumo e vetro. Il vetro soffiato era più veloce da produrre e più traslucido rispetto al suo predecessore. Alla fine Venezia divenne famosa per la sua esperienza nella lavorazione del vetro. Avvolta in una mistica di formule e tecniche segrete, la produzione del vetro è stata consolidata nell'isola di Murano per un migliore controllo e per prevenire eventuali perdite di questi metodi segreti.

Il vetro è un materiale stabile, non poroso e di alta qualità che conserva le proprietà dei profumi per garantirne la qualità per una lunga durata. Nel XIX secolo l'est della Francia si stava costruendo una reputazione per la sua produzione di vetro grazie all'ampia disponibilità di legna per accendere i forni e di risorse naturali utilizzate nella creazione del vetro. Lalique, Daum, Baccarat e Saint Louis provengono tutti da questa parte del paese e sono stati perfettamente posizionati per lavorare con le case di fragranze per produrre una serie di bottiglie - grazie all'industrializzazione - o edizioni limitate come opera d'arte. La famosa "bottiglia delle api" di Guerlain è stata creata nel 1853 per L'Eau de Cologne Impériale, realizzata per l'imperatrice Eugénie. D'altra parte, la produzione di massa di bottiglie ha reso la fragranza più accessibile a una parte più ampia della popolazione, guidando la domanda di profumo. Alla fine del XIX secolo, lo stile Art Nouveau nacque all'Ecole des Beaux Arts di Nancy e si estese anche all'est della Francia. Molti artigiani hanno sperimentato il vetro. Anche Hector Guimard, noto per aver disegnato le stazioni della metropolitana di Parigi, si è messo in gioco con i flaconi sinuosi creati per la casa di fragranze di Félix Millot.

L'inizio del XX secolo ha visto collaborazioni tra artigiani del vetro e case di profumi come Rene Lalique e Parfums D'Orsay. L'Art Nouveau, con le sue caratteristiche fluide, sinuose e ispirate alla natura, ha lasciato il posto all'Art Déco nota per le sue rigorose linee architettoniche diritte - basti pensare al flacone originale Chanel N°5 lanciato nel 1921. Da allora non è cambiato molto, considerando che la maggior parte delle fragranze oggi è racchiusa in bottiglie di vetro.

Flaconi dalla Scuola di Belle Arti di Nancy
Vaporizzatore K&R, MIP
Clairefontaine Design. René Lalique, MIP

IL PROCESSO CREATIVO

I consumatori possono pensare che la fragranza ispiri la creazione della bottiglia, il packaging, la comunicazione e così via, tuttavia, il direttore artistico e fotografo Fabien Baron ha recentemente affermato che a volte il design della bottiglia deve essere fatto prima che la fragranza sia stata realizzata. Il designer e direttore creativo Lutz Herrmann ha confermato questa affermazione. “Questa è una vera esperienza per la maggior parte dei miei progetti. La bottiglia e la fragranza sono per lo più sviluppate in parallelo, poiché questo è l'attuale processo di marketing nelle grandi aziende. Mi è stato detto da molti dei miei clienti che è necessario che il profumiere o il naso si ispiri alla forma di una bottiglia e anche alla colorazione. È, infatti, parte del compito del design catturare l'essenza del marchio. Prendiamo l'esempio di Forever (2020) di Laura Biagiotti che utilizza il simbolo dell'infinito come ispirazione della forma".

Forever, Laura Biagiotti

Il designer creativo indipendente Christian von der Heide è d'accordo. “A volte quando devi iniziare a lavorare alla creazione del design della bottiglia hai solo il concetto e il nome e nient'altro. A volte con i grandi clienti hai un intero team che lavora dall'inizio insieme, compreso il naso. Mi piace che la forma per segua la funzione, quindi mi piace sapere cosa sto facendo. Se hai il concetto e il profumo, anche se non è la versione finale, l'idea del profumo ti aiuterà all'inizio del processo di progettazione".

Ho chiesto a Christian se avesse mai lavorato per un piccolo marchio artigianale, e di parlare dell'esperienza. “Ho lavorato a un progetto per un nuovo marchio di profumi e beni di lusso con la fondatrice Beatrice Graf, che ha radici in Perù. Si chiama Casa de Coca. L'idea è quella di creare una fragranza attorno allo spirito della foglia di coca e al mondo Inca. Sta lavorando con me per il design e con Bertrand Duchaufour per il profumo. Ci siamo incontrati regolarmente per fare un brainstorming per il lancio e ora anche per il futuro; è stato come lavorare con gli amici. “

Flacone di Casa de Coca
Design del prodotto per Casa de Cocoa

Sono stata sorpresa di apprendere che il design della bottiglia può essere uno degli elementi che ispira il profumiere. Nell'esperienza di Christian, “Dipende perché può anche essere il contrario. Ciò che conta davvero è che il risultato finale sia perfetto. Mi piace lavorare con i profumieri perché sono persone molto creative”. Lutz ha affermato di aver avuto progetti in cui la forma, il colore e il design della bottiglia erano le principali fonti di ispirazione. "Come designer lavori per lo più disconnesso dalla creazione della fragranza olfattiva - il tuo compito è sviluppare l'intera idea - il mondo, il nome o il marchio e poi un'agenzia pubblicitaria riesce ad animare questo racconto." La sua prima incursione nel design della bottiglia è arrivata attraverso Roma di Laura Biagiotti. “La società che ha commissionato l'agenzia per cui ho lavorato ci ha detto che doveva essere una dichiarazione. Quindi mi è venuta l'idea di fare qualcosa di molto letterale, qualcosa che vuoi conservare dopo che la fragranza è sparita. Ho inventato la colonna. E poi erano così contenti del concetto che mi hanno chiesto di fare le immagini e la pubblicità stampata".

La progettazione della bottiglia può richiedere anche più tempo della creazione della fragranza. Il processo industriale può essere lungo e quindi il design passa attraverso processi di prova e approvazione. Lutz ha spiegato: “Questi processi influenzano lo sviluppo e talvolta ti rimandano indietro per ricominciare da capo. Se un test torna con esito negativo i clienti chiedono al progettista di andare in una nuova direzione. Stimerei che nel migliore dei mondi uno sviluppo del genere non richiederebbe più di 8 mesi, ma ho avuto alcuni progetti davvero complicati che hanno richiesto molto più tempo per essere completati". Naturalmente la fragranza stessa, che sia di massa o di nicchia, passa anche attraverso una serie di prove e approvazioni prima che la versione finale venga imbottigliata. Christian ha affermato: “Ci vuole almeno un anno per l'intero progetto. La prima parte del progetto per me è la più importante e richiede diverse settimane. È qui che devi entrare nel marchio, ricercarlo e trovare i valori e la storia del marchio o della persona per cui lavori. Poi c'è tutta l'ingegneria per rendere i dettagli giusti, lo stampo da solo può richiedere tre mesi! Quindi devi testare la stabilità della fragranza, se la fragranza è compatibile con il colore del succo e così via".

Ho chiesto a Christian di parlarmi di uno dei design di bottiglie più impegnativi che abbia mai realizzato. “La bottiglia tecnicamente più impegnativa su cui ho lavorato è stata la bottiglia per Kaviar Gauche. Adoro l'artigianato e il cliente voleva un design di altissima qualità. Abbiamo fatto un fiore dorato sopra il flacone, creato da cinque o sei stampini perché ogni petalo ha il suo stampo. Poi abbiamo dovuto mettere insieme il fiore... quindi nessun fiore è esattamente uguale e ognuno è fatto di metallo. Poi abbiamo dovuto trovare un tono d'oro speciale. Mi sono ispirato al colore dei capelli dei designer dietro il marchio: è una specie di sfumatura oro rame. Ci è piaciuta molto l'idea di mettere il DNA dei designer nella bottiglia. Abbiamo anche dovuto trasferire l'oro sulla bottiglia perché c'è un bordo dorato. Ma farlo brillare nella bottiglia e riflettere fuori dalla bottiglia è stato davvero impegnativo!

Kaviar Gauche
Kaviar Gauche

Mi sono chiesta se in questo mondo sempre più guidato dal digitale e dall'e-commerce, la bottiglia rappresenti una comunicazione visiva in grado di invogliare il consumatore all'acquisto. Lutz ritiene che i consumatori siano diventati più interessati al business della profumeria, dalla produzione agli ingredienti fino al processo di produzione e al modo in cui la sostenibilità si adatta a tutto ciò, e quindi di conseguenza l'industria delle fragranze potrebbe ripensare al messaggio che passa attraverso la confezione, compreso il flacone. …Credo che ci sia un nuovo spirito secondo cui il contenuto dovrebbe essere più apprezzato rispetto all'aspetto. Non ho una sfera di cristallo ma credo che il tempo stia solo cambiando e per il design delle bottiglie questo significa: meno campanelli e fischietti, più attenzione ai dettagli e valore reale”. Lutz ha recentemente lavorato a un design per la casa di moda tedesca Talbot Runhof che segue questa filosofia. “Penso che questa bottiglia mostri ciò che chiamo "meno": la bottiglia racconta chiaramente l'eredità del marchio come marchio di couture attraverso il design del tappo. La forma stessa è semplice, molto tattile, buona da tenere in mano e da usare ed elegante.

Flaconi di Talbot Runhof
Purple Couture, Talbot Runhof
Purlple Couture, Talbot Runhof, dettaglio del tappo

Christian ha riflettuto su come sono cambiati i tempi. “In passato avevamo una chiave visuale e forse un titolo. Ora devi mostrare tutto sulla fragranza: devi avere Instagram, Reels, video - un video di unboxing, realizzazione di video, interviste. Devi supportare il prodotto. Soprattutto per un nuovo marchio devi trovare un nuovo modo di visualizzare il marchio. E ovviamente il campionamento e i formati da viaggio sono molto importanti."


ATTENZIONE AI DETTAGLI

Il design del flacone può raccontare una storia a sé: basti pensare ad alcune delle iconiche bottiglie create da Pierre Dinand, uno dei più importanti designer di bottiglie di profumo al mondo. Ovviamente è conosciuto per Opium di YSL , ispirato alle custodie giapponesi inro che venivano usate per contenere piccoli oggetti. Ha anche disegnato Calandre di Paco Rabanne, che simboleggia un ricordo di un incontro romantico lungo la strada (ricordate, Calandre è la parola per la griglia dell'auto). Le bottiglie per Boadicea the Victorious, un selettivo marchio di profumeria inglese, presentano scudi in peltro fatti a mano impreziositi da motivi celtici, che ricordano la personalità indipendente e potente della regina guerriera britannica.

Recentemente alcuni flaconi hanno fatto notizia per la loro estetica scultorea o high tech. Prendiamo ad esempio il design di Frank Gehry per la collezione Louis Vuitton Les Extraits. Il flacone stesso è una versione più arrotondata di quello presente nella collezione signature, ma il cappuccio ha lo scopo di rappresentare il movimento. Gehry è un grande appassionato di vela e infatti la calotta in alluminio sembra rappresentare le vele mosse dal vento. Nel frattempo, il marchio italiano di capispalla Moncler lancia una fragranza per lui e per lei in flaconi a forma di fiaschetta che sono “dotati di schermi LED in grado di visualizzare messaggi personalizzati tramite un'app per smartphone con tecnologia Bluetooth, una caratteristica high-tech che ricorda la collaborazione del marchio con Rimowa per le valigie.”

Qualche settimana fa Luc Gabriel mi ha presentato il suo nuovo progetto, la collezione di fragranze Cherigan Paris. Sta dando nuova vita a questo marchio che risale agli anni '20, un'era che Gabriel chiama l'età d'oro della fragranza francese. Sebbene il marchio avesse originariamente una miriade di design di bottiglie, la collezione attuale rimane fedele alle sue radici con un flacone art déco aerodinamico per il formato da 100 ml, ma con una svolta. Per ognuna delle sette fragranze è stato selezionato un colore, laccato sulla base del flacone. La tecnica intelligente dà l'impressione che l'intera bottiglia sia di vetro colorato, ma in realtà è un'illusione ottica. Ogni extrait de parfum è disponibile anche nel formato da 15 ml, il cui tappo di vetro può essere utilizzato per dosare una goccia di fluido sui punti di pulsazione: un gesto di profumeria elegante, intimo e discreto.

Flacone di Opium

LO DEVO AVERE

In tutto il mondo, ci sono persone che raccolgono semplicemente fragranze solo perché bramano la bottiglia squisita o investono in pezzi selezionati. Molti anni fa, quando lavoravo in un grande magazzino di lusso, avevamo clienti in lizza per il numero di produzione più basso del flacone di cristallo in edizione limitata Lalique pour Homme. La produzione mondiale era molto ridotta e più basso era il numero della bottiglia della serie, maggiore sarebbe stato il suo valore.

Forse la bellezza dei flaconi profumati è stata la prima cosa che mi ha attratto della fragranza. Mia nonna aveva una bellissima bottiglia blu cobalto sulla sua toeletta che ho sempre ammirato. Anni dopo me l'ha regalato e alla fine ho scoperto che era un'edizione Baccarat di Christian Dior. La fragranza che conteneva originariamente è scomparsa da tempo, ma farò sempre tesoro del prezioso vaso che non ha tempo.

Lalique pour Homme Sagittaire 1999 di Gold
Flacone di Baccarat di Christian Dior

Grazie a Lutz Herrmann e Christian von der Heide per la loro competenza e le informazioni.

Lutz Herrmann
Christian von der Heide

Fonti

https://www.beauxarts.com/grand-format/trashed-4/

https://www.britannica.com/topic/perfume-bottle

https://mymodernmet.com/history-perfume-bottles/

https://www.minniemuse.com/articles/art-of/perfume

https://www.cosmopolitan.fr/,les-parfums-et-leurs-flacons,1898109.asp

https://www.allure.com/gallery/perfume-bottle-designs

https://editorialist.com/fashion/on-the-scent-with-la-perla/

https://www.dezeen.com/2021/10/08/frank-gehry-louis-vuitton-perfume-bottle-les-extraits/

https://www.surfacemag.com/articles/moncler-fragrance-led-screens/


Crediti fotografici:

"Vaporizzatore K&R, MIP" e "Clairefontaine Design. René Lalique, MIP": Grazie al Musée international de la Parfumerie

"Forever, Laura Biagiotti" e "Flacone di Talbot Runhof ": grazie a Klas Förster per LHID 2021

"Flacone di Casa de Coca" e "Design del prodotto per Casa de Coca": grazie a Image Agency

"Lalique pour Homme Sagittaire 1999 di Gold": Grazie a Gold

"Lutz Herrmann": grazie a J. F. Schwarzlose